Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti. Cliccando su “Accetta”, proseguendo la navigazione, accedendo ad un’area del sito o selezionando un qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta

Navigazione contenuti

Contenuti del sito

IL PIU' ANTICO ATENEO AL MONDO

Immagine dell'articolo

Identificare il più antico ateneo al mondo è sempre una complicata ricerca, ma una di queste porta ancora il nome del suo fondatore. L'Università degli Studi di Napoli fu fondata dall'imperatore del Sacro Romano Impero e re di Sicilia Federico II di Svevia il 5 giugno o il 5 luglio 1224 tramite una lettera circolare (generales licterae) inviata da Siracusa.

Poiché fu creata per volere stesso dell'imperatore è considerata in assoluto la prima università laica in Europa di tipo statale. Cioè non fondata da corporazioni o associazioni di intellettuali, o di studenti ma in forza di un provvedimento sovrano Due furono i motivi principali che spinsero l'imperatore all'edificazione dello studium generale: in primo luogo la formazione esclusiva del personale amministrativo e burocratico della curia regis e quindi la preparazione dei giuristi che avrebbero aiutato il sovrano nella definizione dell'ordinamento statale e nell'esecuzione delle leggi; in secondo luogo agevolare i propri sudditi nella formazione culturale, evitando loro inutili e costosi viaggi all'estero.

La scelta della sede cadde su Napoli per motivi non solo culturali ma anche geografici ed economici: i traffici via mare, il clima mite e la posizione strategica all'interno del Regno furono, in un certo modo, determinanti.

Inizialmente gli studi furono indirizzati verso il diritto, le arti liberali, la medicina e la teologia: quest’ultima, rispetto alle altre materie, venne insegnata presso sedi religiose, in particolare nel convento di San Domenico Maggiore, dove insegnò dal 1271 al 1274 Tommaso d’Aquino. Inoltre, durante il periodo angioino, l'Università di Napoli, a differenza delle altre, restò indipendente dal potere papale.

Le prime difficoltà arrivarono con l’avvento del dominio aragonese nel 1443, che di fatto costrinsero l'ateneo ad una prima chiusura. L’Università fu riaperta nel 1465, a seguito di un'intesa tra re Ferdinando il Cattolico e papa Paolo II, salvo poi essere nuovamente chiusa nel 1490.

Si dovette aspettare il 1507 affinché lo studium partenopeo riaprisse i battenti, ricominciando dal convento di San Domenico Maggiore, che ne fu la sede per tutto il Cinquecento. In seguito, nel 1616, fu realizzata la costruzione, ad opera Dell’architetto Giulio Cesare Fontana e per ordine di Don Pedro Fernando de Castro, conte di Lemos e viceré di Napoli, del Palazzo degli Studi, ristrutturato appositamente per ospitare l’Università.

06/04/2021

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

17 MAG 2021

RACCONTI PER RICOMINCIARE

Un festival diffuso di percorsi teatrali dal vivo e itineranti

17 MAG 2021

AMICI 2021: VINCE GIULIA

Oltre alla coppa e ai vari premi in denaro, la ballerina raggiunge anche il record di essere la prima donna, nella sua categoria, a salire sul gradino più alto del podio.

16 MAG 2021

ATTENZIONE AL SOLE

Gli esperti ricordano di fare particolarmente attenzione all’esposizione al sole, soprattutto alle ustioni nei bambini piccoli, in quanto da grandi avranno più probabilità di sviluppare melanomi.

15 MAG 2021

MARMELLATA, CONFETTURA E COMPOSTA

Ingredienti e percentuali di zucchero e frutta fanno la differenza

15 MAG 2021

GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA FAMIGLIA 2021

Per famiglia, si intende un nucleo sociale formato da un uomo, una donna e dei figli, legati dal vincolo di parentela. Oggi, in seguito ai numerosi cambiamenti della società, si discute sempre più sulla necessità di modificarne la definizione.

14 MAG 2021

CADONO I CAPELLI E CRESCONO GLI ALTRI PELI

I peli nel nostro corpo non sono tutti uguali