Navigazione contenuti

Contenuti del sito

MEGLIO LA CICALA O LA FORMICA

Immagine dell'articolo

Chiedo scusa alla favola antica
se non mi piace l’avara formica
io sto dalla parte della cicala
che il più bel canto non vende…
regala!

 

Così scriveva Gianni Rodari, avendo più di ogni altro una visione ingenua e sincera più simile a quella dei bambini, che non guardano mai a quello che si può costruire nel tempo, sono più intenti a scoprire ogni sfaccettatura della vita che stanno vivendo in quel momento.

I giorni dei bambini sono una continua scoperta, dal volo della farfalla che gira intorno alla testa mentre si corre per i campi, mentre il profumo dei fiori solletica il naso. Non possono perder tempo a raccogliere le verdure dal campo per il pranzo, quello è il compito dei grandi, operosi e indaffarati, per il bene della famiglia senza neanche il tempo per ricordare il profumo dei fiori, che sperano di sentire quando ritornerà il tempo del riposo.

Insomma non è più importante il ruolo della formica, ne quello della cicala...è importante vivere tutto così come è: oggi cicala e domani formica, ogni cosa al suo posto nel corso della vita.

24/01/2021

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

02 MAR 2021

IL BARATTOLINO FANTASTELLARE

Giocare, divertirsi e rilassarsi, realizzando il vasetto più luminoso che c’è.

02 MAR 2021

DISLESSIA E REALTA' VIRTUALE

Un incontro sulla dislessia organizzato da IRCSS “Medea” – La Nostra Famiglia

01 MAR 2021

CIRO: IL CUCCIOLO DI DINOSAURO ITALIANO

L’incredibile scoperta di circa trent’anni fa, è uno dei ritrovamenti più importanti di sempre.

01 MAR 2021

FUMETTO A SCUOLA

Un progetto nato dalla collaborazione tra Star Biz srl e l’Istituto Comprensivo di Dolo sulla Riviera del Brenta

28 FEB 2021

DOPPIO COGNOME PER LA PICCOLA DI CASA “FEDEZ”

La loro futura bambina porterà il cognome di entrambi i genitori

28 FEB 2021

PFIZER CONTA DI VACCINARE ANCHE I BAMBINI

Finito l'arruolamento dei volontari per testare il suo vaccino contro il Covid-19 su persone di età compresa tra 12 e 15 anni, si passerà ai bambini di 5 anni.