Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti. Cliccando su “Accetta”, proseguendo la navigazione, accedendo ad un’area del sito o selezionando un qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta

Navigazione contenuti

Contenuti del sito

I BAMBINI DI ASPRA

Immagine dell'articolo

Ci sono tre bambini di scuola elementare. Loro sono veri. E poi ci sono le leggende miste chissà a quanta verità su un reticolo sconfinato di grotte e in alternativa una misteriosa macchina rossa.

Di reale c’è anche una tranquilla borgata marinara di poche migliaia di anime che all’improvviso scopre la paura e il coprifuoco. Mezzo secolo fa Aspra, frazione di Bagheria(PA) ,  vede sparire all’improvviso tre figliDomenico Astorino, detto Minico, di 11 anni, Domenico D’Alcamo, detto Mimmo, e Giuseppe La Licata, detto Pino, entrambi di 9 anni. Da quel 9 maggio 1968 sono state battute diverse piste fra mezze testimonianze, silenzi e passi indietro. Mimmo, Minico e Pino oggi sarebbero dei sessantenni ma la loro scomparsa è ancora un enigma.

Dei tre alunni di Aspra restano soltanto le foto in bianco e nero. Rimane una specie di romanzo giallo con personaggi umili nei panni dei protagonisti (pescatori, muratori, contadini), che, forse anche per questo, è salito alla ribalta della cronaca solo per qualche mese per poi cadere nel dimenticatoio.

“Tre bambini inghiottiti dalle Grotte dei Saraceni” titola il Giornale di Sicilia sabato 11 maggio 1968. In prima pagina i volti dei due Domenico e di Giuseppe rubano l’occhio al lettore, facendo finire quasi in secondo piano la notizia accanto su un pezzo di storia del Novecento: l’avvio dei colloqui di pace a Parigi tra Vietnam del Nord e Stati Uniti.  

A spingerli in quella direzione è la testimonianza di un amichetto dei tre bimbi che le famiglie attendevano a cena e che non sono più tornati.

Per qualche giorno le Grotte dei Saraceni, alle spalle di Villa Sant’Isidoro, dove risiedono i marchesi De Cordova, vengono scandagliate da vigili del fuoco, volontari e forze dell’ordine per quel che consentono i mezzi dell’epoca. E’ un’impresa calarsi in quel labirinto di caverne scavate nel tufo dal quale si ricava la pietra di Aspra, di cui sono fatti tante costruzioni di Palermo, ma l’esplorazione non porta a nulla.

Il caso, almeno nelle prime settimane, diventa di dominio nazionale e ad Aspra arrivano inviati da tutta Italia. Nel frattempo vengono setacciate anche tutte le imbarcazioni nel porticciolo. Sono tutte lì e quindi è impossibile che Mimmo, Minico e Pino si siano allontanati in mare quantomeno con una barca.

Si inizia invece a vociferare di un’auto rossa. Qualche mese dopo, è già il 1970, Clemente D’Alcamo, contadino e  papà di Mimmo, ai microfoni di Tv7, il rotocalco del Tg1 parla di tre ragazzini, altri tre, che qualche giorno prima erano scappati dopo essere stati invitati a prendere delle caramelle da una macchina rossa con uomini e una donna a bordo. Per qualcuno quell’auto orbitava vicino alla Villa Sant’Isidoro, la dimora dei De Cordova dietro la quale si aprono le Grotte dei Saraceni. E proprio nel viale che conduce alla villa sarebbero stati visti per l’ultima volta.

 

 

11/04/2021

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

17 MAG 2021

RACCONTI PER RICOMINCIARE

Un festival diffuso di percorsi teatrali dal vivo e itineranti

17 MAG 2021

AMICI 2021: VINCE GIULIA

Oltre alla coppa e ai vari premi in denaro, la ballerina raggiunge anche il record di essere la prima donna, nella sua categoria, a salire sul gradino più alto del podio.

16 MAG 2021

ATTENZIONE AL SOLE

Gli esperti ricordano di fare particolarmente attenzione all’esposizione al sole, soprattutto alle ustioni nei bambini piccoli, in quanto da grandi avranno più probabilità di sviluppare melanomi.

15 MAG 2021

MARMELLATA, CONFETTURA E COMPOSTA

Ingredienti e percentuali di zucchero e frutta fanno la differenza

15 MAG 2021

GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA FAMIGLIA 2021

Per famiglia, si intende un nucleo sociale formato da un uomo, una donna e dei figli, legati dal vincolo di parentela. Oggi, in seguito ai numerosi cambiamenti della società, si discute sempre più sulla necessità di modificarne la definizione.

14 MAG 2021

CADONO I CAPELLI E CRESCONO GLI ALTRI PELI

I peli nel nostro corpo non sono tutti uguali